Alcuni consigli per affrontare gli attacchi di Panico

Alcuni modi per affrontare il tuo prossimo attacco di panico

Che cos’è un attacco di panico?

Ognuno di noi ha una tolleranza diversa e individuale per l’ansia, lo stress, e per ciò che fa scattare questi sentimenti e sensazioni. Il nostro programma di “Attacco o Fuga”, d’altro canto, è universale e funziona per tutti. Un attacco d’ansia o un attacco di panico consiste essenzialmente nella risposta del nostro sistema neurologico e corporeo a delle fonti di stress, siano esse reali ed esterne o soltanto percepite.

Quando camminiamo su un sentiero di montagna e improvvisamente ci ritroviamo con il cuore in gola per un bastone di legno ripiegato che in un primo momento avevamo scambiato per un serpente, è per via del nostro sistema di Attacco o Fuga che non riconosce la differenza tra un ramo e un serpente, e a cui non importa di aspettare per scoprirla…esso prepara la persona a rispondere allo scenario peggiore e più minaccioso.

Allo stesso modo possiamo avere degli attacchi d’ansia quando percepiamo una minaccia emotiva, sociale o altre minacce non fisiche. Affrontare un meeting importante sul posto di lavoro non è la stessa cosa che affrontare un serpente, ma i nostri corpi spesso non lo sanno. Per i nostri corpi tutte le fonti di stress sono  possibili minacce alle quali siamo chiamati a rispondere.

Perché gli attacchi d’ansia possono farci sentire così male?

Il sistema di attacco o fuga del corpo ci prepara ad affrontare una minaccia o un pericolo attivando certi processi fisiologici che possono essere spiacevoli. Il sistema nervoso simpatico rilascia un flusso di ormoni e di altre sostanze che possono portare a un battito cardiaco accelerato, sudorazione, respiro più veloce, e disturbi allo stomaco, legati al fatto che il corpo dirige le sue risorse verso uno stato di più elevata attivazione fisiologica e psicologica.

Come affrontare gli attacchi d’ansia

Ci sono alcune cose davvero utili che puoi fare per gestire un attacco d’ansia o di panico. Le abilità di Coping che ci aiutano con gli attacchi di ansia prendono in considerazione i sentimenti e le sensazioni sia dalla prospettiva psicologica che fisiologica. Puoi scoprire che una combinazione di abilità di coping funziona meglio per te, o forse accorgerti che una o due in particolare sono di aiuto per la tua personale esperienza con l’ansia.

È molto importante quello che avete in mente

I nostri cervelli sono predisposti per pensare e quando siamo preoccupati per qualcosa spesso sovraffatichiamo le nostra testa nel tentativo di concentrare le nostre abilità di problem solving per trovare la risposta al problema. Continuare a pensare a un problema o a qualcosa che ci disturba è simile al guardare un film horror a ripetizione. Alla fine si avranno degli incubi o un livello di ansia molto alto.

Più tempo trascorri guardando film horror, più è probabile che tu abbia degli incubi. Più tempo occupi nel pensare pensieri ansiosi, più probabilità avrai di incorrere in un attacco d’ansia.

NON DOVETE CERCARE D’INTERROMPERE IL PENSIERO DI COSE CHE VI RENDONO ANSIOSI PER OTTENERE SOLLIEVO

Potreste non essere capaci di fermare i pensieri ansiosi che si insinuano nella vostra testa. I nostri cervelli sono disegnati per pensare. Quello che è possibile fare è focalizzare attivamente l’attenzione e il potere mentale su qualcosa di diverso, che sia rassicurante o neutrale.

Il nostro cervello può funzionare solo su un canale alla volta. Quando pensieri disturbanti diventano intrusivi, impegnali e focalizzali su qualcosa che richiede la tua completa attenzione e presta attivamente attenzione a quello che stai facendo. Se vai a fare una passeggiata nomina in modo consapevole ogni passo, destra, sinistra, destra, sinistra, ecc.

Attingi al potere del tuo linguaggio del corpo … a te stesso.

Molti di noi sono abbastanza chiari sull’importanza del linguaggio del corpo nelle interazioni. Tutti conosciamo alcune cose piuttosto efficaci su come avvicinarsi ad animali spaventati, bambini piccoli e altri adulti per metterli a loro agio e creare l’atmosfera giusta. Mentre siamo veramente bravi a sapere come il nostro linguaggio del corpo parla agli altri, non prestiamo quasi alcuna attenzione a come il nostro linguaggio del corpo parla alle nostre menti. Quando siamo ansiosi, tendiamo ad assumere posizioni che aumentano la nostra ansia. Mentre parliamo a qualcuno di qualcosa che ci turba, saltiamo sulla sedia, parliamo più forte e più veloce, gesticoliamo con forza, e ci permettiamo un linguaggio corporeo più “amplificato” che rafforza nelle nostre menti (proprio come in quella del nostro ascoltatore) l’idea che c’è un problema.

Un’abilità importante per far fronte all’ansia ed evitare un attacco di panico è il linguaggio opposto d’azione del corpo. Questo significa inviare messaggi rilassanti a te stesso con il tuo linguaggio del corpo, quando la tua mente sta facendo il contrario. Fai un bilancio di ciò che stanno facendo il tuo corpo, la tua voce e le tue parole e chiediti: “se stessi guardando / ascoltando me stesso proprio adesso, quale messaggio riceverei sul mio livello di stress?” Fai uno sforzo deliberato per sederti in modo rilassato, parla lentamente e ad un volume rilassante, e ammorbidisci l’espressione del viso, come se stessi cercando di lenire qualcun altro. Scoprirai che ha un effetto notevole su di te.

Queste abilità di coping per gli attacchi di ansia sono importanti perché ti aiuteranno a sentirti meglio indipendentemente dal problema stesso. Non possiamo sempre controllare lo stato dei problemi che ci stanno rendendo ansiosi, ed è importante rendersi conto che la risoluzione dell’ansia non è legata alla risoluzione del problema. Puoi sentirti meno ansioso e avere meno attacchi di panico indipendentemente dal “problema” stesso.

 

 

Annunci