Ansia, Sintomi Psichici e Somatici

Gestione dell’Ansia e dello Stress Attraverso Tecniche Manuali.

L’ansia è una parte inevitabile della vita. Sono diverse le componenti dell’ansia che possono causare problemi nel vivere quotidiano. La preoccupazione legata al pensiero che le nostre azioni possano sempre portare a conseguenze negative, la paura, e la perdita della prontezza mentale. Altri disturbi ansiosi includono fobie specifiche, disturbo ossessivo compulsivo, disturbo da stress post-traumatico, panico.

L’ansia si manifesta come ansia di tratto, che si riconosce dai sintomi fisici e/o psicologici, o come ansia di stato, che ha una natura temporanea, di solito associata a stimoli specifici che fanno da attivatori.

L’ansia è un fenomeno complesso ma dalla descrizione clinica si può definire come una condizione psicosociale con associate preoccupazione e paura, mischiate a sintomi fisici. L’ansia mentale produce tensioni muscolari che possono essere ridotte usando il massaggio terapeutico, che invia segnali al cervello rilassando i muscoli. Può così aumentare il rilassamento complessivo e le energie disponibili, permettendo di affrontare più facilmente diverse situazioni. L’obiettivo principale del massaggio terapeutico è la riduzione dello stress e il rilassamento, con degli effetti psicologici che includono il rilassamento mentale, la riduzione di stati depressivi, di rabbia e paura; facendo in modo che chi riceve il trattamento senta che qualcuno si prende cura di lui/lei.

Il massaggio terapeutico è una delle terapie complementari più popolari e diffuse nel mondo. Il bisogno di contatto è uno dei bisogni fondamentali dell’essere umano e il massaggio, come forma di contatto, produce un rilassamento del corpo e della mente. Un aspetto importante del massaggio terapeutico è costituito dalla comunicazione non verbale, si induce una forma di rispetto, fiducia, empatia senza l’utilizzo di parole, e solo attraverso il contatto fisico. Qualunque persona può godere del massaggio terapeutico, sia come metodo di trattamento che come abitudine quotidiana.

Oggigiorno sempre più persone usano il massaggio per diminuire il dolore e lo stress, e ottenere una generale sensazione di benessere. Diversi studi clinici mostrano che la terapia del massaggio può avere effetti positivi su ansia, dolore e tensioni muscolari.

Un massaggio a pressione moderata contribuisce a ottenere molti effetti positivi: riduzione del dolore in diverse sindromi, inclusa la fibromialgia e l’artrite reumatoide, migliora i livelli di attenzione, riduce i sintomi della depressione e potenzia le funzioni del sistema immunitario.

Da uno studio comparativo tra massaggio con pressione leggera e moderata in laboratorio, si è visto che il massaggio con pressione moderata riduce la depressione, l’ansia e la frequenza cardiaca, e altera i pattern EEG, come avviene in una risposta di rilassamento.  Porta anche ad un aumento dell’attività vagale e alla riduzione dei livelli di cortisolo, associati allo stress cronico. I dati della risonanza magnetica funzionale mostrano che tale massaggio viene rappresentato in diverse regioni del cervello, incluse l’amigdala, l’ipotalamo e la corteccia cingolata anteriore, tutte aree coinvolte nella regolazione delle emozioni e dello stress.

Il massaggio viene utilizzato per il mantenimento della salute e per la prevenzione dei disturbi, per riportare il corpo a un generale equilibrio energetico, andando a coprire l’aspetto fisico e sociale, e gli apetti psicologici del paziente.

Ci sono numerose tecniche di massaggio, e nemmeno i professionisti si trovano d’accordo sulle situazioni in cui ogni tecnica può risultare utile. Alcune tecniche includono il massaggio neuromuscolare, il massaggio Svedese, il massaggio profondo, quello sportivo, il Rolfing, ecc. Alcune pratiche, come il massaggio Svedese, consistono in un set di tecniche semplici, concepite per rilassare i tessuti muscolari attraverso l’applicazione di una pressione in direzione opposta a quella del muscolo e delle ossa, e per far ritornare il flusso del sangue verso il cuore. Nell‘Analisi Funzionale si usa una tecnica di contatto consapevole su punti e posizioni specifiche, per rilasciare i tessuti connettivi, superficiali e profondi, inducendo una riorganizzazione di sensazioni, emozioni, pensieri e comportamenti.

Le sensazioni che riportano i pazienti che si sottopongono al massaggio terapeutico includono un aumento di energia, riduzione dell’affaticamento, miglioramento del sonno, riduzione dei dolori, aumento della mobilità, e un miglioramento nella salute fisica generale. Le terapie complementari, come il massaggio, hanno un grande potenziale nel ridurre lo stress e l’ansia, e hanno effetti positivi sul benessere complessivo e sulle condizioni di salute degli individui.

Il primo effetto fisiologico del massaggio consiste nel miglioramento della circolazione sanguigna, ma va aggiunto che la stimolazione sensoriale ripetuta, indotta dal massaggio, può modificare i cicli neurologici e indurre cambiamenti nel funzionamento del sistema nervoso autonomo, per esempio nel sistema che regola la pressione sanguigna. Può indurre una riduzione dei livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Cambiamenti sistemici nei livelli della pressione sanguigna possono verificarsi attraverso metodi neurologici o endocrini. I risultati mostrano che rispetto ad altri trattamenti per l’ipertensione, anche una sola seduta di massaggio può essere utile nel ridurre la pressione sanguigna. Di conseguenza, la riduzione della frequenza cardiaca e della pressione, causate dalla riduzione delle tensioni muscolari, sono tra i possibili effetti del massaggio terapeutico che sono stati presi in considerazioni in diversi studi.

Sebbene il massaggio non sia capace di curare delle gravi condizioni mediche, esso è efficace nel ridurre i sintomi dell’ansia, dello stress, e della depressione, quali i mal di testa, alla schiena, i dolori muscolari e altri dolori cronici, migliorando anche il funzionamento del sistema immunitario.

L’uso di metodi di trattamento complementari come il massaggio è ancora un’area controversa nei servizi di salute pubblica. Questi dubbi, nella comunità medico-scientifica e nel pubblico, sono tra le principali sfide per introdurre queste tecniche di intervento nella pratica; è quindi necessario e indispensabile rafforzare le evidenze scientifiche sull’efficacia di tali metodi in modo tale da includerli nelle linee guida pratiche, per poter fornire sistemi di presa in carico del paziente di alta qualità, basati su evidenze scientifiche.

  1. Massage Therapy, May 2007Clinical Nurse Specialist, Patricia G Anderson, Susanne M Cutshall.
  2. Massage Therapy Research, August 2014, Complementary Therapies in Clinical Practice 20(4) DOI 10.1016/j.ctcp.2014.07.002 Source PubMed , Tiffany Field.
  3. Effect of Massage Therapy in Cancer Patients, January 2017, International Journal of Clinical Medicine 08(02):111-121 DOI 10.4236/ijcm.2017.82010, Marcia Alves, Maria Helena de Agrela Gonçalves Jardim, Bárbara Gomes
  4. Massage Therapy for Stress Management, July 2010, Orthopaedic nursing / National Association of Orthopaedic Nurses 29(4):254-7; quiz 258-9, 10.1097/NOR.0b013e3181e517c6, Françoise Labrique-Walusis, Kathy Keister, Anne C Russell
  5. Effect of Massage Therapy on Anxiety and Depression in Cancer Patient, January 2013, 10.1007/978-94-007-5833-9_2, In book: Evidence-based Non-pharmacological Therapies for Palliative Cancer Care, Jiro Imanishi
  6. Recent advances in massage therapy – A review, October 2015, European review for medical and pharmacological sciences 19(20):3843-3849, S. -L. Liu, W. Qi, D. -Y. Cong
  7. Massage therapy for essential hypertension: A systematic review, July 2014, Journal of Human Hypertension 29(3), 10.1038/jhh.2014.52, Xingjiang Xiong, S J Li, Yuqing Zhang
  8. Massage Therapy for Fibromyalgia: A Systematic Review and Meta-Analysis of Randomized Controlled Trials, February 2014, PLoS ONE 9(2):e89304, 10.1371/journal.pone.0089304, Yan-Hui Li, Feng-Yun Wang, Chun-Qing Feng, Yi-Hua Sun
  9. The Effectiveness of Massage Therapy Intervention on Reducing Anxiety in the Workplace, June 1996, The Journal of Applied Behavioral Science 32(2):160-173, DOI, 10.1177/0021886396322003, Karen R. Shulman, Gwen Jones
  10. Massage Therapy: Significance and Relevance to Professional Practice, August 2010, Professional Psychology Research and Practice 41(4):325-332, DOI, 10.1037/a0020161, Grant J. Rich
  11. The effect of massage therapy on depression, anxiety and stress in adolescent wrestlers, January 2015, Seyed Mohammad Zadkhosh, Ehsan Ariaee, Ahmad ebrahimi Atri
  12. Comparing the effects of two Swedish massage techniques on the vital signs and anxiety of healthy women, July 2016, Iranian journal of nursing and midwifery research 21(4):402, 10.4103/1735-9066.185584, Farzaneh Gholami-Motlagh, Mina Jouzi, Bahram Soleymani

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...